Ci siamo quasi: le Vacanze di Natale sono vicine e tutti abbiamo pensato ‘ah, quest’anno mi riposo e non faccio proprio niente’. Dopo le fatiche lavorative degli ultimi mesi e quelle dei preparativi, il riposo è sacrosanto!

Questo però non deve impedirci di ‘far fruttare‘ anche questi momenti. Sì, lo so, la parola fruttare non suona molto bene se la associamo al relax.

In realtà vi voglio convincere (e intanto convinco anche me) che si può essere produttivi ed efficienti anche quando non siamo iperconcentrati sul nostro lavoro.

E’ una cosa che ho imparato, anche se vi confesso che faccio ancora un po’ di fatica, da un mio collega che stimo molto. Esperto web marketer, passava ore e ore a ‘cazzeggiare’ sui siti di informazione, leggendo riviste o su YouTube.

E io, seduta al suo fianco con le mani nei capelli a fare mille cose al secondo, un po’ lo invidiavo e un po’ mi dava ai nervi. Eh sì, perché alla fine era sempre lui a portare le migliori idee da sviluppare.

Vi sembrerà una esagerazione, ed invece non lo è. Quando si è troppo concentrati sulla propria attività si rischia di diventare ciechi a tutte le novità o alternative percorribili.

Sono stati scritti molti saggi e teorie sulla positività dell’ozio per migliorare la produttività. Posso citarvi Russel con Elogio dell’Ozio oppure Domenico De Masi. Il Tech Free Sunday è ormai un trend diffuso oltreoceano.

Tutto questo per convincerci che indugiare nel relax non è sempre sintomo di svogliatezza o incapacità.

L’ozio sarà anche il padre dei vizi, ma c’è bisogno di riposo per essere più produttivi!

Soprattutto di questi tempi, dove le ore di lavoro si dilatano, grazie (o per colpa) della tecnologia che ci permette di essere sempre connessi. Tanto più siamo connessi alla rete, tanto meno lo siamo con il mondo reale che ci circonda e con noi stessi, anche.

3 consigli per passare le feste in modo rigenerante e produttivo:

1. Non fatevi prendere dall’ansia da nullafacente. Ve lo ripeto, ogni tanto serve anche staccare lo sguardo dalle occupazioni quotidiane. E’ utile e non state facendo un errore. Punto.

2. Decidete 1 o 2 cose che dovete assolutamente fare, ma che riguardano voi stessi. Non di più!

Non parlo di abbonamenti in palestra o cose simili. Andate più nel profondo: volete scrivere un e-book? Bene, datevi una scadenza e decidetene lo scheletro.

Se volete cambiare lavoro, decidete come cercare le offerte, aggiornate il vostro CV e il profilo Linkedin.

3. Drizzate le antenne, sempre. I pranzi in famiglia, i giri in città, i film visti in compagnia, le feste per il nuovo anno, i pomeriggi sul divano, le foto scattate. Tutto può essere fonte di ispirazione, l’importante è accorgersene e stare sempre all’erta.

Un consiglio, un’idea da copiare, una riflessione che si fa sempre più concreta. Spezzare la routine, e farlo in modo ‘serio’, porta aria fresca a mente e anima.

Se sarete capaci di ‘organizzare’ il vostro relax senza sensi di colpa né lasciarvi prendere dalla pigrizia negativa, saranno delle vere vacanze produttive. E potrete tornare rigenerati e anche le vostre attività ne risentiranno positivamente.

Quindi vi saluto augurandovi Buone Feste, che siano piene di ozio positivo!