Una volta avevamo dei computer che potevano memorizzare mega e mega byte, poi siamo passati ai giga byte, salvavamo le nostre intere vite, fotografie, canzoni, video, file importanti… tutto sul desktop (Io no). Quando per sfiga l’hard disk decideva per sua natura di bruciarsi, andava tutto perso: senza un backup (io il backup lo facevo) che ci potesse salvare dalla catastrofe.

Poi arriva l’evoluzione della specie: Internet, e dai dinosauri dei case PC, siamo passati a strumenti sempre più piccoli e portabili. Questo ha causato il lento, ma inarrestabile trasloco della nostra vita online.

Mi ricordo ancora quando si elemosinava a qualche amico l’invito a Gmail, tutti volevano una mail firmata Google, per abbandonare una tristissima mail micia74@libero.it, per passare ad una più seriosa e professionale sharonsala@gmail.com (ah questa non è la mia mail vi avviso, io una mail così non l’avrò mai, lotto da anni con una omonima famosa).

Gmail ci ha portati a non scaricare più la nostra posta sul computer, ma la consultiamo e la usiamo direttamente online, così da poter avere sempre tutte le nostre comunicazioni a portata di mano.

Con la posta elettronica si è aperto davanti a noi un mondo di servizi gratuiti e disponibili, utilizzabili con un unico profilo. Dopo le parole scritte, sappiamo che noi internauti amiamo le immagini e non c’è cosa più bella che mostrare al mondo le foto delle nostre vacanze. Non vorrai mica far perdere alla tua collega di scrivania le foto di te e del tuo amore sdraiati sul bagnasciuga!

Date via libera al vostro esibizionismo con Picasa: soddisfa anche qualche piccola esigenza di modifica delle immagini, come ritaglio, effetti e condivisione suo social. Non ti preoccupare: se tieni alla privacy, ma vorresti far vedere le foto del tuo bambino alla mamma che abita lontano, puoi creare un album privato e condividerlo solo con lei.

Se poi lavorate sempre in movimento, vi ricorderete che c’è stato un periodo della nostra vita che giravamo con i floppy disk (preistoria, mica tanto) e memorizzavamo file importanti da avere sempre con noi. Poi i dati cominciavano a pesare troppo per essere contenuti in un floppy e così siamo passati ad un ingombrante, ma utile hard disk esterno. Per fortuna che sono arrivate le chiavette USB, anche se oggi servono solo per passarsi velocemente un file.

Viva la leggerezza di non doversi portare più dietro nulla grazie a Drive, dove possiamo archiviare i file e organizzarli in cartelle: inoltre possiamo crearne anche di nuovi direttamente online, non dovendoci nemmeno preoccupare se sul PC che stiamo utilizzando sia installato o meno un software di video scrittura.

Infine se siete persone sempre piene di impegni con mille cose da ricordare, che fino a ieri giravano con un agende voluminose in borsa che sembravano copie dell’enciclopedia universale, e come tutti noi ti sei convertito allo smartphone o al tablet, vi svelo un modo per avere la vostra agenda sincronizzata su tutti i device: Google Calendar.

La cosa che preferisco è la possibilità di poter creare più calendari: da quello personale con gli appuntamenti famigliari, a quello di lavoro con riunioni e appuntamenti con i clienti, fino a quello condiviso con chiunque vuoi per condividere eventi o per organizzare le serate con la tua dolce metà (sì, esistono coppie che condividono i calendari per potersi incontrare, paura!).

Che dire, io mio sono abituata bene e trovo che sia una gioia potersi sedere davanti a un qualsiasi computer, accenderlo, ricordarsi solo i propri dati di accesso e poter far tutto ciò che si vuole.