Il 1 ottobre si è tenuto l’Italian Social Banking Forum, organizzato da SocialMinds. Ci siamo ritrovati tutti al Centro Congressi del Palazzo delle Stelline e abbiamo passato una giornata incredibile.

Qual è stato il programma?

Il team di DML srl ha diffuso i risultati ottenuti dalla loro ricerca sull’utilizzo dei Social da parte delle Banche Italiane.

I “bancari” (te la ricordi la Littizzetto in un noto spot?) hanno portato le loro case history sul palco.

Esperti in Social Media Marketing hanno animato il pomeriggio con interventi legati sia allo scenario bancario in Italia sia dispensando consigli ai presenti e a chi era collegato in streaming per poter sfruttare al meglio la comunicazione nel web.

Io che ci facevo?

Ho risposto a un annuncio dell’organizzatore Leonardo Bellini che mi ha “ingaggiata”, passami il termine, per raccontare la giornata attraverso il live tweeting e gestendo la pagina Facebook. Questo mi ha permesso di godermi in prima fila l’Italian Social Banking Forum e arricchirmi professionalmente e personalmente.

Devo dire che è stato difficile cercare di non twittare ogni parola che usciva dalla bocca dei relatori e, se ti va di capirne di più, ti invito a leggere lo storify che ho preparato il giorno dopo.

italian social banking forum

Alcuni dati del Report mi hanno sorpresa: Youtube è il canale social più utilizzato dalle 50 Banche campione e il secondo è Twitter. Su Linkedin e Facebook sono presenti e per le loro fanpage si dedicano ad argomenti che esulano dalla Banca, cercano di essere vicini agli utenti chiacchierando di altro.

Mai avrei immaginato che noi italiani siamo così forti a cinguettare, se non fosse che ho letto nero su bianco i dati che sono stati ricavati grazie al Partner tecnico ROIALTY, il quale ha monitorato 15 account.

Quello che però ho davvero apprezzato è stato ciò che gli speaker hanno raccontato.

Sabrina Petrini Rossi di BNL-BNP Paribas mi ha fatto innamorare di “Hello World”, magazine che non vuole parlare di conti correnti e mutui ma di ciò che la gente ama nella sua vita quotidiana: dallo sport alla musica, dai libri al cinema e avanti così.

italian social banking forum hello world

Patrizio Regis di UNICredit ha sottolineato l’importanza dei dipendenti come veri sponsor della nostra attività, grazie a uno studio effettuato proprio monitorando le attività online di 280 di loro.

Silvia Fasano di Deutsche bank ha spiegato come si sono impegnati per analizzare e declinare comunicazioni differenti a seconda del social utilizzato e del Paese in cui questo veniva proposta. Una delle raccomandazioni che faccio spesso ai miei clienti: non comportatevi ovunque nello stesso modo, rischiate di uscire dal coro ed essere stonati.

Stefano Cioffi di WeBank si è soffermato sull’app mobile creata, nata dalla condivisione e il coinvolgimento dei colleghi nello sviluppo della stessa.

E poi non parliamo del pomeriggio.
Hanno aperto le danze:

Rachele Zinzocchi, Web Communication Manager & SMM di 3 Italia, ma anche una donna dalle mille vite: scrittrice, relatrice, insegnante. Ti sfido a capire come e dove trova tutta questa energia. Ma ascoltarla, ti assicuro, è un’esperienza unica. Un po’ come il pifferaio magico e i suoi topi o l’incantatore di serpenti alle prese con un Cobra.
Paolo Fabrizio, esperto in Social Customer Service, che personalmente apprezzo moltissimo per la sua grande modestia, umiltà e simpatia e che, professionalmente parlando, è spiazzante. Se non lo conosci ancora seguilo sul suo blog e capirai perché lo dico.

E infine un momento di confronto con i “FAB FIVE”:

1. Alessio Beltrami;
2. Luca Bozzato;
3. Fabio De Vita;
4. Enrico Giubertoni;
5. Mirko Saini.

Ognuno di loro, grazie alle domande calzanti di Leonardo Bellini, ci ha lasciato con le ultime pillole di saggezza su questo particolare mondo dei Social, che ormai è diventato il nostro vestito quotidiano.

Ora, lo so che potrei raccontarti la sessione dei fantastici cinque ed entrare nello specifico di ogni intervento dell’Italian Social Banking Forum ma… così come faccio a invogliarti a partecipare con me la prossima volta?

Buon #SEOSPIRITO e alla prossima!