Non ce ne saremmo accorti se non fosse stato per il calendario, ma tra un temporale, un’alluvione e un’esondazione l’estate è entrata nel vivo, e con essa la qualità media delle notizie si è spostata da “succedono cose importantissime” a “non succede niente e quindi ci dedichiamo alle cose che fanno ridere”– aiutati in questo dai Mondiali di calcio, che hanno calamitato l’attenzione della Rete in massa, in particolare dopo il massacro (sportivo) compiuto dalla Germania sul Brasile.

E a dirla tutta, i Mondiali sono un evento talmente totalizzante che persino i siti porno, da sempre veri padroni di Internet, lamentano un calo di attenzione…

E visto che siamo in estate, le giornate si allungano e le maniche si accorciano, è anche tempo di paparazzate e foto rubate. Qualcuno, per esempio, è riuscito a venire in possesso di alcuni scatti del lato B più ricercato del momento: quello di iPhone 6, il nuovo smartphone di Apple che dovrebbe essere annunciato dopo l’estate e che già aveva fatto scandalo per alcuni nudi integrali e per essere stato visto in compagnia della popstar Jimmy Lin. È una non-notizia, in effetti, ma farà felici i feticisti del dettaglio e gli Apple fan che non riescono ad aspettare la fine dell’estate per sapere che forma avrà il loro nuovo smartphone.

Chi non si ferma mai, neanche in pieno luglio, sono i soliti giganti. D’altra parte non ci si può permettere di riprendere fiato quando, come succede per Facebook, sei la più importante fonte di notizie del mondo, alla faccia di telegiornali, giornali e siti di news, e quando la tua influenza è tale che gli stessi giornalisti ammettono di abbeverarsi alla tua fonte senza farsi domande, a costo di cadere in errori e imprecisioni. Meno male che dall’altra parte del campo di battaglia, in zona-Google, c’è chi, come il fondatore Larry Page, pensa che ogni tanto dovremmo fermarci, fare un bel respiro e, come dire?, lavorare di meno.

E come non dargli ragione, quando in giro scopri che c’è gente che senza alzare un dito riesce a guadagnare migliaia di dollari? È successo a Zack Brown, per esempio, che ha chiesto su Kickstarter un piccolo finanziamento per cucinare un piatto di insalata di patate e si è ritrovato all’improvviso con donazioni per 36.000$ – anzi, 46.000 nel momento in cui scriviamo. Cosa dire di fronte a una notizia simile? Forse è meglio armarsi di iPad e giocare a qualcosa per scacciare i cattivi pensieri, o armarsi di telo (rigorosamente hi-tech) e andare in spiaggia, oppure, se non vi fa paura lo spazio profondo, andare a raggiungere la sonda Voyager, che ha detto addio per sempre al nostro sistema solare…