E’ una delle ultime novità di Twitter (non ancora disponibile in Italia), che si trasforma in “unità di crisi” in caso di terremoti, naufragi ed altre calamità naturali. Molto spesso le notizie arrivano in primis da Twitter e poi sui “canali ufficiali” come magazine e riviste online. Basta un cinguettio per avvisare chiunque in caso di terremoto, tsunami ecc.

Fino ad ora bastava usare un hashtag per lanciare un “allarme”, ma visto il grande successo di questo strumento nasce “Twitter Alerts”.

Tweet di avviso

Qualche città italiana ha fatto richiesta, tra cui Torino e Bologna, ma ad oggi il servizio non è attivo in Italia.

Al contrario, hanno aderito diverse Istituzioni negli altri paesi europei: potete consultare la lista completa. La maggior parte delle organizzazioni e associazioni umanitarie abilitate a diramare gli avvisi, in questa prima fase sono per lo più statunitensi come i pompieri di New York, la Croce Rossa di San Francisco, ma anche in Giappone e Corea. Gli avvisi possono essere diramati solamente da alcune organizzazioni, governative e non, riconosciute e autorizzate da Twitter.

In caso di “alert” tramite smartphone saranno visibili direttamente nello stream della timeline, oppure tramite sms o come notifiche push.