Nell’era dell’amore virtuale, dove le relazioni sono basate su status di Facebook, e “dell’ultima visualizzazione” in WhatsApp ora arriva adottaunragazzo.it.

Da qualche mese in tv trasmettono questo spot, ma di cosa si tratta?

Secondo uno studio, solo nel 2012 i single in Italia ammontavano a quasi 7,3 milioni di cui 2 italiani su 10 iscritti a siti di incontri. Chi oramai non ha almeno un amico oppure un amore incontrato su Internet? Questo ci fa capire che, effettivamente, le conoscenze “virtuali” sono più semplici di quelle reali, forse perché possiamo celarci dietro ad uno schermo, possiamo sentirci “liberi” e semplicemente non dobbiamo superare le barriere sociali?

Adottaunragazzo.it è il social dating numero uno in Francia. Inverte i ruoli della seduzione dando il potere alle donne, che sono al centro dell’attenzione. Infatti è lei a scegliere la “preda”. Un pronto soccorso per le single sconsolate che possono scegliersi un fidanzato sedute in poltrona in versione Bridget Jones!

Dopo quattro anni arriva anche in Italia, ha dei numeri impressionanti come 7.200 nuovi iscritti ogni giorno, un 86% del target iscritto ha tra i 18 e 35 anni.

Un negozio chic, dove le donne possono come se fosse una boutique online, “comprare” un ragazzo in base a caratteristiche specifiche come il geek, il tatuato, il riccio, il moro il biondo. Insomma caratteristiche fisiche, ma anche legate al carattere. Un vero e proprio fenomeno sociale che dovrebbe “aiutare” anche le più timide a trovare il proprio principe azzurro.

nerd

Basta iscriversi e specificare se si è una potenziale cliente o un potenziale ‘prodotto’: gli uomini inseriranno una descrizione di se stessi in base a determinate categorie fisiche, professionali e di abitudini condotte, corredata da una foto del profilo, mentre le donne, inseriranno le proprie preferenze, dalla pettinatura di capelli alla presenza di tatuaggi, dalla predilezione verso barba alla scelta del maschio baffuto e, con un semplice click, potranno ordinare il favorito.

I maschietti possono farsi notare, mandando degli incantesimi, come gli (inutili) Poke di Facebook, a questo punto noi signorine possiamo scegliere se aggiungerlo al nostro carrello, in pratica possiamo prenotarlo per 24 ore così da “tenercelo per noi” ed a questo punto possiamo iniziare a comunicare con il nostro “uomo oggetto” tramite mail o chat.

L’idea è molto carina e mi fa sorridere, ma sfortunatamente resto ancora una di quelle “vecchio stile”, che preferisce inciampare in un ragazzo in carne ed ossa, anzichè inserirlo in un carrello o nel caso adottare direttamente un rugbista.

Schermata 2013-09-24 alle 14.45.00